I CONSIGLI DEI LIBERNAUTI,
docenti e amici di ELI in veste di LIBRAI

dell'anima non mi importa

di Giorgio Montefoschi

Se vieni in libreria ad acquistare uno dei libri consigliati dai Libernauti, riceverai in regalo 1KG di titoli usati a tua scelta dalla nostra sezione di LIBRI AL KG.

 

La recensione

Giorgio Montefoschi è uno scrittore profilico dalla penna che scorre facile si sarebbe detto un tempo. Autore di oltre 20 libri, vincitore nel 1994 del Premio Strega con “La casa del padre” si può definire lo scrittore della Borghesia, in particolare di quella romana. 

Lo scrittore che più di ogni altro ne ha saputo osservare ed interpetare le caratteristiche, i limiti, le prerogative, i vizi e le virtù che ha avuto la capacità di riversare nei protagonisti dei suoi romanzi ma anche nei personaggi minori che compongono il mosaico delle diverse storie e vicende raccontate. 

Anche in questa sua ultima fatica editoriale dal titolo “Dell’anima non mi importa” pubblicata per i tipi della Nave di Teseo, Montefoschi fa viaggiare il lettore in quei luoghi ed in quelle atmosfere che rappresentano ed incarnano, meglio di tanti altri, l’anima del Borghese, con il Corriere della Sera in mano, ed in particolare di quel quartiere di Roma, i Parioli, che ne rappresentano il luogo per antomasia. 

La chiesa di San Roberto Bellarmino, via Michele Mercati, il Giardino Zoologico, la Galleria Nazionale d’Arte Moderna, l’Accademia di Santa Cecilia con la sua stagione di Concerti, la Sabaudia delle Ville di Busiri Vici come luogo di vacanze e di week-end. 

Da osservare come Carla, moglie di Enrico protagonisti entrambi del Romanzo, definiscano con raffinata eleganza sia lo Zoo che la Gnam con i loro nomi storici e non con quelli moderni di Fondazione Bioparco e Galleria Nazionale quasi a voler significare una consonanza con quei luoghi che solo chi li vive ed abita da decenni può permettersi. 

Un Romanzo piacevolissimo da leggere e ricco di profonde riflessioni su uno status sociale, un modo di essere e di vivere ed un mondo, quello della borghesia che sicuramente coinvolgerà il lettore.

Recensione a cura di Marcello Ciccaglioni

DESIDERI MAGGIORI INFORMAZIONI?

inviaci un’e-mail o telefonaci