RECENSIONE

di ALESSANDRA

Libraia

IL RAGAZZO DAL MARE NEGLI OCCHI

di Lilith Moscon

VUOI LEGGERE IL LIBRO? CONTATTACI

“Alcune immagini hanno più luce, per richiamare la nostra attenzione. Indicano la rotta, come i fari o la stella polare. Quel ritaglio di carta era la stella polare di Enrico: l’avrebbe guidato e accompagnato verso la città di Troia”. Il ragazzo dal mare negli occhi è un titolo tanto evocativo quanto la storia che andrà a narrare. L’illustrazione della copertina ci svela parecchio: un uomo dagli occhialini dorati e un grande cappello, anfore, sculture, la famosa maschera di Agamennone, una nave che ci parla di viaggi e scoperte, una colomba e una ragazza in primo piano in tenuta da jogging. Sono evidentemente loro i protagonisti di questa storia.

La ragazza che corre si chiama Emilia, ed è lei la voce narrante. Infatti, sappiamo dalla prima pagina che a nove anni ha ricevuto in dono da sua madre una pietra con sopra scolpita una testa di leone. Emilia sa che a sorvegliare e proteggere la sua camera dagli intrusi, pronto a ruggire, non ha messo un oggetto qualunque, comprato in uno strampalato mercatino delle pulci, piuttosto di una qualche eredità importante. La pietra arriva, infatti, dalle mani dello scrittore tedesco Emil Ludwig – da cui fra l’altro lei ha ricevuto il nome – che la ritrovò sulla stessa collina in Turchia dove anni addietro era stata scoperta la città di Troia. E qui il passato epico s’incrocia con il presente.

Una sera Emilia riceve in sogno la visita di una cicogna che comincia a narrarle la vita di un bambino chiamato Enrico, nato in Germania nel lontano 1822. Nel sogno successivo sarà una colomba a proseguire la storia da dove era stata interrotta. Apprenderemo così che Enrico è il ragazzo dal mare negli occhi e che inseguirà fin da bambino il sogno di portare alla luce la città di Troia.

Ma come nascono sogni del genere? Per Enrico è stata un’immagine di Troia in fiamme scoperta fra le pagine del volume “Storia del mondo” regalatogli a otto anni da suo padre. Enrico ha portato sempre con sé quell’immagine e, anche se la vita gli ha fatto percorrere mille strade e altrettante avventure, quel ritaglio di libro è rimasto il suo faro, la meta da raggiungere. È nell’infanzia che i sogni e le ispirazioni arrivano, quando siamo liberi da schemi e sovrastrutture e siamo in grado di sognare liberamente, di guardare con occhi limpidi verso una meta. La difficoltà è mantenere vivido il sogno quando la vita sembra portarci altrove. Ed è per questo che i sogni vanno coltivati.

Lo sa bene la casa editrice Telos che ce lo ricorda attraverso le parole di Lilith Moscon, autrice di numerosi testi per ragazzi, e le brillanti illustrazioni di Giulia Pastorino. Il testo in fondo introduce i giovani lettori alla vita e alle gesta di un uomo eroico che tanta ispirazione ha tratto nell’infanzia dalla lettura di Omero. Enrico dunque non è altri che Heinrich Schliemann, mercante, avventuriero e scopritore di tesori come quello di Priamo – rinvenuto appunto sotto la collina di Hissarlik in Turchia durante gli scavi di ricerca della città di Troia – e quello di Micene.

“Il ragazzo dal mare negli occhi” è l’ultimo nato in casa Telos, il terzo libro pubblicato in quasi tre anni di attività. E questo la dice lunga di quanto la gestazione di ogni volume segua quasi i ritmi biologici. La giovane direttrice editoriale, Luana Astore, conosciuta durante la fiera della piccola o media editoria Più libri più liberi di Roma, parla con passione degli obiettivi (non a caso Telos è una parola greca che significa: scopo, obiettivo) della sua casa editrice, attenta ai nuovi modi di fare editoria e sensibile alle esigenze dei lettori con dislessia e DSA. Le scelte editoriali sono evidenti: storie che fanno da spunto per parlare di personaggi storici, illustrazioni curate e accattivanti, carattere tipografico ad alta leggibilità, carta avoriata e versione digitale con audiolibro e strumenti di sostegno.

Ci piace pensare leggendo questo libro quanto anche i sogni più grandi, e all’apparenza impossibili da realizzare, se mantenuti vivi nel nostro cuore, ci mostrino le strade percorribili che parlano di noi e ci fanno da specchio. Forse bisogna solo imparare ad ascoltarsi nel profondo e guardare a quello che veramente ci emoziona, anche una volta divenuti adulti. Questo è il migliore augurio che si possa fare a ogni bambino.

VUOI LEGGERE IL LIBRO? CONTATTACI

SCOPRI LE ALTRE RECENSIONI