C’è chi lo chiama medico “di famiglia”, chi “di base”, chi “generico”, chi ancora della “mutua”. All’autore piacerebbe più di tutti essere chiamato “medico della persona”, un professionista a disposizione di ognuno di noi e che siamo proprio noi a scegliere: l’unico in grado di occuparsi della salute dell’essere umano in modo olistico, dalla testa ai piedi.

Una figura cardine della nostra Sanità di cui la pandemia da Covid 19 ne ha mostrato l’importanza e la necessità di nuove soluzioni organizzative: un medico di base 2.0. L’autore si pone a fianco del suo paziente e lo induce a restituirgli spontaneamente quel camice di cui, a volte, si appropria, esortandolo a tornare a “essere paziente”. Con il linguaggio semplice di chi per professione è abituato a confrontarsi con ogni tipo di umanità, ci racconta in modo confidenziale le giornate tipo di un medico di base, in cui traspare tutto l’anelito al ritorno a una medicina più “umana” e più romantica, nella quale l’ascolto reciproco tra medico e paziente assume spesso valore terapeutico più di un farmaco.

Sempre in modo comprensibile, ma anche con garbata e costante ironia, vengono presentate alcune tra le più comuni problematiche cliniche tipiche della medicina di base (l’ipertensione, il diabete, il colesterolo alto, il mal di schiena, il PSA elevato, le vaccinazioni, etc.), senza la pretesa scientifica di un manuale di medicina, ma nel solo intento di fornire al paziente-lettore le indispensabili basi conoscitive. C’è inoltre una collezione di curiosi strafalcioni dei pazienti che hanno certamente alleggerito i suoi 40 anni di lavoro.

SIATE PAZIENTI Medico di Base 2.0

di Francesco Cesario
Editore: ELI Palombi

€ 15,00

RICEVI IL LIBRO A CASA CON CONSEGNA A DOMICILIO

Senza spese di spedizione

OPPURE CONTATTACI PER RITIRARLO IN LIBRERIA

L’autore devolve i compensi a lui spettanti dalla vendita di questo volume alla Fondazione AIRC 
per la Ricerca sul Cancro

Francesco Cesario, detto Alberto, classe ’57, nato a Roma, dove lavora.
 Medico di base dall’83, cardiologo, internista
 (ma anche grande interista).
 Figlio d’arte: suo padre Giuseppe è stato medico di famiglia. Svolge attività didattica nell’ambito della Medicina Generale e delle Cure Primarie per il tirocinio post laurea dell’Università romana di Tor Vergata.