I CONSIGLI DEI LIBERNAUTI,
docenti e amici di ELI in veste di LIBRAI

Stoner

di John Williams  

Se vieni in libreria ad acquistare uno dei libri consigliati dai Libernauti, riceverai in regalo 1KG di titoli usati a tua scelta dalla nostra sezione di LIBRI AL KG.

 

La recensione

Una storia minima, una vita ordinaria, un uomo qualunque possono diventare un capolavoro nelle mani di un narratore? 

Si, accade con John Williams e il suo romanzo “Stoner”, scritto nel 1965 ma diventato un grande successo negli Stati Uniti solo con la ristampa del 2003 grazie a quel fenomeno imperscrutabile che è il passaparola. Il fascino indiscutibile di questo libro sta nel raccontare quel tipo d’uomo che di solito la letteratura ignora, distante com’è dall’essere un eroe o un superuomo. Piuttosto Stoner (l’autore non lo chiama mai William) è l’uomo medio, che nei meccanismi della normalità e del “minimo” riesce a trovare la forma della sua esistenza. 

Da questo punto di vista quella di Stoner è la storia perfetta, dove non accede mai nulla di straordinario, scandita com’è da fatti banali e da una quotidianità prevedibile, sullo sfondo di una geografia limitata ad un angolo dell’America rurale dove il protagonista è nato.  Il riscatto di Stoner dalle sue origini contadine avviene attraverso lo studio, che lo porterà a diventare docente universitario e a inserirsi faticosamente in ambiente che non dimostrerà di comprenderlo e apprezzarlo. Stesso destino fallimentare avranno le relazioni sentimentali con le sue donne, siano esse la madre, la moglie, l’amante o la figlia. Stoner, uomo misurato e abitudinario, sprovvisto di grandi ambizioni come di passioni trascinanti, non cerca di cambiare il suo destino, ma si accomoda meglio che può nella vita che gli è capitata. 

L’assenza di fatti eclatanti, dunque, rende miracoloso l’effetto d’insieme di questa storia che riesce ad appassionare contro ogni previsione. La lingua con cui è narrata è altrettanto miracolosa, precisa nel descrivere i dettagli, accurata nel togliere dall’ombra fatti e emozioni, nel far risuonare il silenzio che circoscrive la vita di Stoner. L’affetto e la sensibilità con cui l’autore guarda il suo personaggio è tale contagiare anche il lettore. È impossibile non amare Stoner, provare simpatia per lui e persino commozione. Alla fine della lettura è difficile lasciare andare Stoner. Stoner è Stoner, non è uguale a nessun altro. E resta lo stato di grazia di una storia semplice che riesce a sollevare interrogativi profondi e universali.

Recensione a cura di Marina Marinelli

DESIDERI MAGGIORI INFORMAZIONI?

inviaci un’e-mail o telefonaci