SAI COSA HO LETTO?

"yoga"

di Emmanuel Carrère

La recensione di Lorenzo Santucci

Casa editrice

Adelphi

Pagine

312

Prezzo

€ 20,00

 

La recensione

Nella sua ultima fatica – e leggendola, non si può denifirla diversamente – Carrère scardina anima, testa e cuore del lettore, che sembra conoscere a memoria. Yoga è il risultato di una serie di riflessioni che hanno accompagnato lo scrittore francese in questi ultimi anni: considerazioni, o meglio meditazioni, frutto di un allenamento costante, quotidiano, di cui non si riesce a farne a meno. Se le vicissitudini raccontate siano realmente estrapolate dalla vita di Carrère, poco importa, in ogni caso la sua grandezza di scrittore viene confermata, capace di confondere il vero dall’immaginazione, conducendo il gioco dove vuole e ricordando della necessità di vivere con uno scopo, quello di far del bene.
La condivisione delle esperienze, anche se differenti purché si parta dalla consapevolezza del nostro essere prevenuti, porta Carrère a scoprire la sua parte più intima, nascosta. E lo fa semplicemente raccontando, come ad invogliare a fare lo stesso per il nostro corpo: l’unico che abbiamo, che dobbiamo rispettare e imparare a gestire. La sincronizzazione di corpo e mente per arrivare a un benessere individuale che poi si riflette sull’intera società: forse era questa l’aspettativa, alta sicuramente ma che ha reso questo romanzo essenziale.


“Non si giudicano i propri pensieri, come non si giudica il prossimo. Bisogna prenderli per quello che sono, vederli come sono. Sì, questa è la terza, e forse la più esatta, definizione della meditazione: vedere i propri pensieri come sono. Vedere le cose come sono”

Lorenzo Santucci

ORDINA QUESTO LIBRO

Compila il modulo per ordinare la tua copia.

DESIDERI MAGGIORI INFORMAZIONI?

inviaci un’e-mail o telefonaci